Tuscia

Storia, arte e antiche tradizioni tengono a battesimo la zona etrusca più rinomata nel mondo: la Tuscia Viterbese. Adagiata sotto i monti Cimini, che come padri premurosi le donano un clima favorevole alle coltivazioni, questa zona del Lazio settentrionale vanta innumerevoli eccellenze, frutto indiscusso di un passato florido influenzato dalla vicina Capitale, che la vide nel XIII secolo sede pontificia per circa 24 anni. Nasce da qui l’appellativo di “Città dei Papi” che ancora oggi ne denota un aspetto culturale ricco di numerosissime e importanti opere d’arte, prima fra tutte il Palazzo Papale costruito fra il 1255 e il 1266 sul colle di San Lorenzo per proteggere il pontefice. Affianco al Palazzo dei Papi sorge il Duomo di S. Lorenzo, eretto nel XII secolo in perfetto stile romanico mentre nella frazione di Bagnaia si può visitare la celebre Villa Lante, famosa per il suo giardino all’italiana, attribuito al Vignola e definito dal Sitwell: “One of the most beautiful places in the world”. Buon cibo, olio e eccellente vino si offrono genuini al turista che nella Tuscia Viterbese può vivere un’esperienza appagante per i sensi e stimolante per la mente. L’enorme potenzialità di questo territorio, fatto di ricchezza, storia e tradizioni, ha reso possibile la realizzazione di alcune strutture di ricezione ricavate da attente e accurate ristrutturazioni di Ville storiche. Un territorio pieno di eccellenze enogastronomiche che ospita sempre di più un turismo colto e attento alla qualità delle materie prime e che si concentra, in questo periodo, nei vicoli storici dei sei comuni coinvolti nella storica Festa delle Castagne e dei Marroni della Tuscia Viterbese. Tanta abbondanza di storia, tradizioni e cibo non poteva lasciare a bocca asciutta i devoti del Dio Bacco. Nasce su queste colline infatti un famoso vino bianco, conosciuto ed apprezzato nel panorama enologico italiano: l’Est! Est! Est! di Montefiascone. Che gli antichi romani fossero dei goderecci è cosa risaputa, non potevano infatti mancare, in un sito di tale importanza, le oggi note Terme dei Papi . In realtà, le suddette terme, rivendicano una paternità etrusca infatti seppur utilizzate dai romani a partire dal III sec.a.C. mantennero il nome di Terme Etrusche fino ai tempi dell’Impero. In epoca medievale le terme divennero meta privilegiata di molti pontefici tanto che nel 1450 Papa Niccolò V fece costruire sul posto un meraviglioso palazzo che ancora oggi mantiene il nome di Bagno dei Papi.